Skip to main content

I professionisti del settore della catena del freddo affermano che le tecnologie di gestione dell’energia eserciteranno un’influenza maggiore sulla logistica a temperatura controllata nel prossimo decennio rispetto all’automazione, alla blockchain o ai cambiamenti nella domanda di prodotti della catena del freddo.

La Cold Chain Federation ha pubblicato oggi il suo nuovo Cold Chain Report 2023, che presenta i risultati di un sondaggio della federazione sullo stato della catena del freddo nel Regno Unito, a cui hanno partecipato oltre 100 stakeholder. Gli intervistati hanno classificato le tecnologie di gestione dell’energia come il principale fattore di influenza della logistica a temperatura controllata nel prossimo decennio, seguite da vicino dall’automazione in seconda posizione.

“La ferma convinzione dei leader della catena del freddo che le tecnologie di gestione dell’energia avranno l’impatto più significativo sul settore nel prossimo decennio riflette non solo la previsione di costi energetici persistentemente elevati, ma anche la necessità di una transizione verso operazioni della catena del freddo a impatto zero. Che si tratti di elettrificare i veicoli refrigerati, di sfruttare le fonti di energia rinnovabili o di ripensare l’immagazzinamento dell’energia e il riutilizzo del calore del magazzino, le opportunità di ottenere risparmi sui costi soddisfacendo al contempo le esigenze dei clienti e le normative sempre più severe sono diventate un imperativo. I nostri ultimi dati rivelano anche una risposta proattiva da parte degli operatori: Il 25% delle strutture di stoccaggio del freddo del Regno Unito utilizza ora tecnologie di energia rinnovabile”, ha dichiarato un rappresentante della Cold Chain Federation.

Inoltre, il Cold Chain Report 2023 rivela che, mentre il costo dell’energia e di altri combustibili è considerato l’attuale sfida principale per le aziende della catena del freddo, esistono forti opportunità, come una maggiore efficienza e la crescente domanda di una logistica del freddo sostenibile. Complessivamente, il 91% degli intervistati ha espresso un giudizio molto positivo o moderatamente positivo sul futuro a lungo termine del settore della logistica a temperatura controllata nel Regno Unito.

Oltre ai risultati del sondaggio sullo stato della catena del freddo, il rapporto include l’analisi della federazione dei fatti e delle cifre chiave del settore, che comprendono la conservazione refrigerata e la distribuzione a temperatura controllata.

“La nostra ultima analisi mostra che i costi energetici all’ingrosso sono marginalmente diminuiti rispetto al 2022, ma ciò rappresenta comunque un aumento dell’89% dei costi energetici all’ingrosso per la catena del freddo tra il 2017 e il 2023. Il rapporto evidenzia anche l’enorme impatto della fine del gasolio rosso sul trasporto a temperatura controllata: nel 2023, ci saranno 73 milioni di sterline in più di costi per le accise sul carburante dopo la fine del diritto al gasolio rosso nel 2022. Questa escalation fiscale fa salire il costo del gasolio per il trasporto refrigerato nel Regno Unito da 153 a 226 milioni di sterline”, ha affermato Tom Southall, direttore esecutivo della Cold Chain Federation.

Altri risultati chiave dell’indagine sulla catena del freddo e dell’analisi dei dati contenuti nel nuovo rapporto includono:

  • Il 68% degli intervistati ritiene che la promozione dell’efficienza per ridurre i costi sia una delle principali opportunità per le aziende della catena del freddo. Il 62% ha dichiarato che la crescente domanda di servizi logistici sostenibili per la catena del freddo è stata una delle principali opportunità per le aziende della catena del freddo.
  • Il 79% degli intervistati ha citato il costo dell’energia e di altri combustibili come una delle principali sfide per le aziende della catena del freddo. Altre sfide sono state il costo del lavoro, la disponibilità della forza lavoro, i requisiti di sostenibilità e l’incertezza economica del Regno Unito.
  • Il 58% considera la rete zero sia una sfida che un’opportunità (il 21% la considera solo un’opportunità, mentre il 21% solo una sfida).
  • Gli intervistati hanno scelto di investire in nuove apparecchiature a basse emissioni di carbonio come l’azione più critica che un’azienda di logistica a temperatura controllata può intraprendere per ridurre le emissioni di carbonio. In secondo luogo, sono stati individuati il miglioramento dell’efficienza delle apparecchiature esistenti e la riduzione/eliminazione dell’uso di refrigeranti ad alto GWP.
  • Gli intervistati hanno indicato il mantenimento di alti livelli di servizio e affidabilità come la priorità principale per i loro clienti nei prossimi 12 mesi, mentre la riduzione dei costi è la seconda priorità.
  • L’adesione a CCF è cresciuta da 133 membri nel gennaio 2019 a 278 membri nel giugno 2023. La partecipazione agli eventi di CCF (online e di persona) è aumentata da 504 nel 2019 a 1490 nel 2022.

Leave a Reply

This site is registered on wpml.org as a development site.